via Giotto, 26 – 20145 Milano 02.45489749 info@auroracleaning.it
pulizie cucine industriali ristorante

Pulizie cucine industriali nella cucina di un piccolo ristorante

Gestire un ristorante richiede necessariamente una pulizia approfondita dei locali. L’approccio corretto, anche in ristoranti di modeste dimensioni, è quello delle pulizie cucine industriali. A tale scopo è sempre opportuno rivolgersi a dei professionisti delle pulizie cucine industriali. Infatti non solo macchinari e prodotti devono essere i migliori per garantire un’igienizzazione completa e sicura degli ambienti, ma è anche fondamentale rispettare dei criteri logici e delle corrette procedure.

Pulizie cucine industriali: cosa fare e cosa non fare

pulizie cucine industrialiSanificare gli ambienti è indispensabile per eliminare gli agenti patogeni, allo scopo è quindi necessario dotarsi di detergenti professionali per pulizie cucine industriali, specifici per le diverse tipologie di superfici o di sporco, e non generici detergenti come quelli per le pulizie domestiche.

Le pulizie non vanno effettuate durante gli orari di lavorazione o somministrazione degli alimenti ma prima o dopo. Durante l’utilizzo dei detergenti è buona norma indossare protezioni quali guanti o mascherine, in quanto alcuni prodotti possono essere corrosivi, tossici o comunque pericolosi per la salute. Per lo stesso motivo è fondamentale risciacquare bene le attrezzature e i macchinari igienizzati da ogni residuo di detergente.

Pulizie cucine industriali: la procedura di lavoro

Si comincia innanzitutto con lo sgomberare gli ambienti da tutto ciò che è mobile, quali carrelli, piani di lavoro, ecc. Cercate di fare in modo da raggiungere zone che non sono normalmente raggiungibili per una pulizia più accurata.

pulizie cucine industriali ristoranteLe cappe aspiranti vanno pulite a fondo e di frequente, in quanto si sporcano con grande facilità. Adoperate prodotti sgrassanti, cercando di raggiungere anche le canne fumarie e le canaline di scolo.

Le griglie devono essere smontate e poste in ammollo con un detergente sgrassante professionale per sciogliere le incrostazioni.

Le celle e i frigoriferi vanno sgomberati e puliti anch’essi regolarmente. Allo stesso modo i mobili, gli armadi e i cassetti vanno liberati dagli oggetti e puliti con cura. Anche gli oggetti stessi vanno puliti accuratamente con un panno prima di essere riposti nei mobili.

Piani di lavoro e tavoli vanno se possibile sollevati e puliti anche da sotto. In seguito bisogna procedere con vetri, pareti e infissi, sempre dall’alto verso il basso. In questo modo si evita che l’insaponatura coli verso il basso. Dedicatevi quindi alle stoviglie e alle altre attrezzature sporche lavandole, asciugandole e riponendole pulite e brillanti. A questo punto potete passare a lavabi e lavandini, per i quali è ovviamente fondamentale un buon anticalcare.

Quando tutti questi passaggi sono stati effettuati e la cucina è il più possibile sgombra si può infine procedere con una profonda pulizia dei pavimenti. Solo a questo punto si può dire di aver terminato il lavoro!